Riprende il tour digitale nei Comuni della Sardegna.

Continua il tour digitale nell’isola per incentivare i Comuni della Sardegna a implementare la transizione digitale secondo le linee guida dell’Agenzia per l’Italia digitale, Agid. “La Regione sta lavorando per garantire lo sviluppo tecnologico e l’accesso alla rete e per migliorare la qualità dei servizi pubblici delle Comunità, anche d quelle più piccole”, ha spiegato l’Assessore degli Affari generali, Valeria Satta, che questa mattina ha incontrato il sindaco di Elini, in Ogliastra.

“Con la ripresa del tour vogliamo manifestare la nostra presenza sul territorio, supportando i Comuni più piccoli, penalizzati in termini di infrastrutture digitali. Oggi siamo a Elini per proporre la Carta dei Servizi digitali promossa dalla Direzione Generale dell’Innovazione e Sicurezza It”, ha detto nel corso dell’incontro a cui ha partecipato anche l’Assessore dei Trasporti Giorgio Todde.

“Il tour digitale nei piccoli centri è uno strumento che serve per avvicinare la Regione Sardegna ai territori che manifestano un importante divario digitale – ha spiegato l’Assessore Todde – Si tratta di Comuni che necessitano di dispositivi innovativi che riguardano la digitalizzazione, l’informatizzazione e le connessioni di ultima generazione. Prossimamente ci recheremo in altri centri della Sardegna per realizzare l’interconnessione del territorio”, ha concluso l’Assessore Todde.

Riprende il tour digitale nei Comuni della Sardegna. Read More

Tartaruga Caretta Caretta depone 98 uova nella costa oristanese,

Nella tarda serata di ieri una tartaruga Caretta Caretta ha deposto 98 uova nella spiaggia di Arborea, in provincia di Oristano, all’altezza della strada 28 ovest. Si tratta di un evento di eccezionale rarità per le coste dell’oristanese, che ha richiesto un grande impegno del Corpo forestale, impegnato nel difendere la biodiversità anche in un periodo particolarmente impegnativo per le attività antiincendio.
È stato un abitante del post a chiamare la Sala Operativa di Fenosu. Il Corpo Forestale ha immediatamente allertato i ricercatori del Centro di recupero CReS di Torregrande, intervenuti immediatamente insieme con il personale dell’AMP del Sinis e i veterinari della clinica Due Mari. Quando gli operatori sono arrivati sul posto la tartaruga marina stava già deponendo le uova per rirendere poi il largo verso la mezzanotte alla presenza dei ricercatori, del Sindaco di Arborea e di una pattuglia del Corpo Forestale della Stazione di Marrubiu che ha presidiato il nido tutta la notte. All’alba il nido è stato riaperto dal personale del CReS di Torregrande e le 98 uova sono state spostate in un’area più idonea in quanto la deposizione, avvenuta a pochi metri dalla battigia, non assicurava la riuscita della schiusa.
Il sito, grazie anche alla collaborazione di Forestas, è stato delimitato con recinzione e copertura. La messa in sicurezza eviterà incursioni di animali e passaggio di bagnanti, dato che si trova in una spiaggia molto frequentata.

Tartaruga Caretta Caretta depone 98 uova nella costa oristanese, Read More

Tortolì: accoltellata dall’ex, esce dal coma.

Dopo quasi 40 giorni si è svegliata dal coma indotto farmacologicamente, Paola Piras, la donna di 51 anni di Tortolì colpita con 18 coltellate dal suo ex compagno di origini pakistane Masih Shahid, la mattina dell’11 maggio scorso, quando suo figlio Mirko di 19 anni è rimasto ucciso nel tentativo di difendere la mamma. La notizia è stata anticipata da La Nuova Sardegna e confermata all’Ansa dai dirigenti della Assl di Lanusei, dove la donna è ricoverata.

Paola Piras sta facendo passi importanti verso la guarigione ma non è ancora fuori pericolo: respira autonomamente e ha ripreso ad alimentarsi, ma dal suo letto d’ospedale cerca il figlio Mirko. Per il momento non conosce ancora l’epilogo dell’aggressione e i medici dell’ospedale Santa Maria della Mercede temono che la notizia possa aggravare le sue già delicate condizioni di salute. E’ probabile che alla donna venga raccontata la terribile verità tra qualche giorno, quando le sue condizioni miglioreranno: per farlo l’ospedale Santa Maria della Mercede ha già schierato un’equipe di psicologi.

Il coma era stato indotto farmacologicamente dai medici rianimatori, per preservare il suo corpo martoriato dalla violenza dell’ex compagno che ha sferrato fendenti in quasi tutti i suoi organi vitali. Venerdì scorso l’Istituto Ianas, la scuola alberghiera frequentata da Mirko – che quest’anno avrebbe dovuto conseguire la maturità – ha consegnato il diploma alla zia Stefania e al fratello Lorenzo. La notizia del risveglio di Paola era molto attesa dalla comunità tortoliese che ora spera che la donna possa superare il tragico momento: la scoperta della morte di suo figlio che ha perso la vita per cercare di salvarla.

Fonte IL SECOLOXIX

Tortolì: accoltellata dall’ex, esce dal coma. Read More
castello di sanluri.

I Borghi più belli della Sardegna.

La Sardegna  è una delle isole più grandi del Mediterraneo e tra le più belle al mondo. La Sardegna ha come punti di forza il magnifico mare cristallino, le coste, una storia millenaria e in parte ancora sconosciuta, ambienti selvaggi e ovviamente i borghi, veri custodi della storia isolana.
I piccoli centri storici della Sardegna ritroveremo l’essenza pura di questa superba isola del mediterraneo. Da vedere le numerose testimonianze storiche di ogni epoca. Monumenti caratteristici delle varie dominazioni che si sono alternate sull’Isola e che ancora oggi rappresentano un vanto per le comunità locali e grande attrazione turistica.
La Sardegna infatti grazie al suo relativo isolamento e alla sua particolare storia, costituisce un esempio unico al mondo, ad iniziare proprio dal suo inconfondibile dialetto. Oltre a quelli inseriti nella lista ufficiale, in Sardegna troveremo alcune delle località più celebri e frequentate di tutto il mediterraneo come  Porto Torres, Golfo Aranci, Tempio Pausania, e tutte le località de La Maddalena e della Costa Smerlada.
I Borghi più Belli della Sardegna inseriti nell’associazione omonima sono 6: Atzara, Bosa, Carloforte, Castelsardo, Posada e Sadali.

Grande importanza rivestono tutti gli eventi tradizionali organizzati dalle popolazioni locali dei borghi della Sardegna ad iniziare dalle Feste Medievali e dalle Sagre. Infatti ogni anno nei borghi medievali della Sardegna si radunano migliaia di turisti o semplici visitatori giornalieri per vivere una giornata all’insegna dello spettacolo e dell’intrattenimento. Sfilate dei cortei in costume d’epoca accompagnate spesso da una gara per la conquista del palio, offrono il meglio della tradizione culturale del paese. Le sagre invece esaltano la cucina tradizionale e i prodotti tipici locali, mostrando al visitatore il meglio dei prodotti di qualità che contraddistinguono la tradizione enogastronomica del borgo.
Dopo un breve cenno storico verrà dato ampio spazio ai principali monumenti con indicazioni su cosa vedere al loro interno, alle manifestazioni o eventi più significativi di natura folcloristica, come sagre o feste medievali. A questo si aggiunge il panorama dei prodotti tipici locali e della cucina tradizionale locale del paese.
Infine sono vengono indicati i contatti dei principali enti comunali e turistici del luogo, come APT, Pro Loco, Associazioni Turistiche e così via. In ultimo link con la così da individuare il percorso per raggiungerlo.
Il clima della Sardegna è quello tipico mediterraneo anche nelle zone interne con estati calde o molto calde (specie nell’entroterra) e inverni umidi, miti e piovosi (in particolare nel versante occidentale e in vicinanza dei monti).
Le escursioni termiche sono molto più accentate all’interno che sulle coste. Non mancano gli episodi nevosi che si hanno in concomitanze con irruzioni artiche o continentali (nuclei gelidi provenienti dall’est Europa oppure colate artico – marittime direttamente dal polo verso il mediterraneo) m solo oltre 1000 m, raramente sulle coste, tranne nei casi appena esposti. In generale sulle coste, durante l’estate le temperature sono molto più accettabili, grazie alle brezze marine che attenuano la calura. Nelle zone interne, in caso di avvezioni calde afro-mediterranee, si possono registrare temperature picchi oltre i 40°.

Il periodo migliore per visitare la Sardegna è indubbiamente la primavera e l’ultima parte dell’estate. Si sconsiglia di visitare i borghi che si trovano al centro dell’Isola durante la stagione estiva in quanto,spesso il clima può risultare molto caldo a tratti torrido.

I Borghi più belli della Sardegna. Read More
Foto da Sito https://www.comune.cagliari.it/

Cagliari: La Vedova allegra di Lehár inaugura l’attività musicale estiva la classicaalparco 2021.

La spumeggiante Vedova allegra di Lehár inaugura classicalparco 2021, l’attività musicale estiva nell’Arena del Parco della Musica di Cagliari Il 16-17-18-19 giugno alle 21 va in scena La vedova allegra, celeberrima operetta di Franz Lehár e spettacolo inaugurale di classicalparco 2021, l’attività musicale estiva del Teatro Lirico di Cagliari che comprende lirica, concerti e danza e che, come la scorsa estate, si tiene nella nuova Arena all’aperto del Parco della Musica di Cagliari (piazza Amedeo Nazzari).
Finalmente il Teatro Lirico di Cagliari ha spalancato nuovamente, già dallo scorso 17 maggio (con Don Pasquale di Donizetti), le porte al suo pubblico e il sipario si è alzato su uno spettacolo dal vivo, dopo la chiusura forzata dell’intera struttura, a causa dell’emergenza sanitaria da COVID-19, che ha bruscamente interrotto le stagioni musicali in corso.
classicalparco 2021 propone 19 serate di spettacolo (fino al 14 agosto), per 7 distinti programmi musicali, replicati nei tre giorni successivi (per l’operetta, l’opera e il balletto) e il giorno successivo (per i concerti)

Cagliari: La Vedova allegra di Lehár inaugura l’attività musicale estiva la classicaalparco 2021. Read More
Regione Sardegna

Regione Sardegna – Emergenza Covid, 4 milioni per i progetti del terzo settore.

Quattro milioni per sostenere progetti finalizzati alla cura delle persone più deboli. La Regione ha pubblicato un avviso rivolto agli enti del Terzo settore (organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e Fondazioni iscritte nel registro delle Onlus) per il finanziamento e la realizzazione di progetti a sostegno delle famiglie e delle persone fragili in difficoltà, il cui bisogno d’aiuto sia cresciuto in seguito alla pandemia. Quattro gli ambiti di intervento prioritari sui quali dovranno essere articolati i progetti: contrasto alla povertà, sostegno all’educazione scolastica, sostegno alla fragilità, e contrasto alla povertà alimentare. (altro…)

Regione Sardegna – Emergenza Covid, 4 milioni per i progetti del terzo settore. Read More
Centro Vaccini San Gavino Monreale

Vaccini, mercoledì via alle immunizzazioni nell’hub di San Gavino Monreale.

Cagliari, 10 maggio 2021 – Proseguono le operazioni di potenziamento della rete dei centri vaccinali della Sardegna. Mercoledì 12 maggio, nel Medio Campidano, sarà operativo il nuovo hub di San Gavino, allestito nella struttura polivalente del Comune, nel piazzale giudici Falcone e Borsellino, difronte all’ospedale Nostra Signora di Bonaria.
All’interno del padiglione, in un’area di mille metri quadri, sono state allestite dieci postazioni di vaccinazione per un potenziale, a pieno regime, di circa mille somministrazioni al giorno.
Nell’hub di San Gavino, che avrà un’operatività di sette giorni su sette, dalle 8.30 alle 19, si partirà con le immunizzazioni dei soggetti fragili e dei cittadini dai 60 ai 79 anni.
Sul fronte della campagna in corso nell’area, sono state ultimate le vaccinazioni degli over 80, mentre procedono le immunizzazioni a domicilio dei cittadini allettati, con i i medici di famiglia, anche attraverso l’organizzazione di giornate dedicate ‘Home V-Day’.

San Gavino Monreale Centro Vaccini Territoriale
Centro Vaccini Territoriale a San Gavino Monreale

“La campagna di vaccinazione prosegue con il potenziamento e l’incremento delle strutture vaccinali sul territorio, resa possibile grazie al forte impegno del personale sanitario, nonché alla fattiva collaborazione dei sindaci, della protezione civile e dei volontari. La piena immunizzazione di tutti i cittadini in tempi rapidi è un obiettivo irrinunciabile e una sfida che riguarda tutta l’Isola”, dichiara il presidente della Regione, Christian Solinas.
“L’apertura del nuovo hub – dichiara l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu – rappresenta un risultato importante per il territorio che va nella direzione tracciata a livello regionale. La struttura si trova in una posizione strategica ottimale, considerata anche la vicinanza all’ospedale. Un obiettivo raggiunto grazie, in modo particolare, al grande lavoro da parte del personale tecnico e sanitario da sempre in prima linea nell’emergenza”.

Vaccini, mercoledì via alle immunizzazioni nell’hub di San Gavino Monreale. Read More
Regione Sardegna

Dal 10 maggio al via la presentazione delle istanze di prima concessione e proroga di mobilità in deroga.

L’Assessorato regionale del Lavoro, a seguito degli accordi firmati dall’Assessore e dalle Organizzazioni sindacali per la concessione e il rinnovo degli ammortizzatori sociali in deroga per l’anno 2021, ha pubblicato l’avviso recante le disposizioni per l’apertura dei termini di presentazione delle istanze per il trattamento di mobilità in deroga nelle aree di crisi complessa – Invio richieste relative alla prima concessione e alla proroga 2021.
L’intervento è a favore delle lavoratrici e dei lavoratori in mobilità che insistono nelle aree di crisi riconosciute come complesse dalla vigente normativa nell’ambito del territorio della Regione Sardegna.
Nello specifico si fa riferimento ai poli industriali di Porto Torres e di Portovesme per i quali sono state attuate misure mirate di politiche industriali che hanno come finalità il rilancio produttivo dei territori interessati.
I lavoratori  o le Organizzazioni sindacali delegate, potranno predisporre e inviare le domande esclusivamente attraverso i servizi online del SIL Sardegna, raggiungibile dall’indirizzo: www.sardegnalavoro.ita partire dalle ore 15.00 del 10 maggio 2021 fino alle ore 23.59 del 25 giugno 2021.

Fonte Regione Autonoma della Sardegna

Dal 10 maggio al via la presentazione delle istanze di prima concessione e proroga di mobilità in deroga. Read More

San Gavino Monreale: NUOVE CONDIZIONI DI ACCESSO AL SERVIZIO BIBLIOTECA COMUNALE DAL GIORNO 6 MAGGIO 2021.

l Sistema Bibliotecario Monte Linas rende noto che a decorrere dal giorno giovedì 6 maggio 2021 muteranno le condizioni di accesso alla Biblioteca Comunale di San Gavino Monreale, dentro la quale potranno stazionare contemporaneamente massimo n. 9 utenti.
Per prendere visione nel dettaglio delle disposizioni si riporta il compendio delle regole d’accesso al servizio

 Leggi la LOCANDINA

SISTEMA BIBLIOTECARIO “MONTE LINAS” BIBLIOTECA MULTIMEDIALE SAN GAVINO M.LE SONO AMMESSI CONTEMPORANEAMENTE: 9 UTENTI
REGOLE D’ACCESSO AI SERVIZI IN BIBLIOTECA A SEGUITO DELL’EMERGENZA COVID-19
1. I servizi bibliotecari all’utenza verranno erogati ESCLUSIVAMENTE SU APPUNTAMENTO TELEFONICO al numero 070 933 9071.
2. L’ingresso in biblioteca sarà consentito DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ per i servizi di prestito e restituzione, utilizzo postazioni PC e postazioni lettura/studio. IL SABATO non sarà consentito l’ingresso in biblioteca e verrà garantito solamente il servizio di prestito e ritiro.
3. Per l’accesso gli utenti prenotati dovranno ATTENDERE ALL’INGRESSO E RISPETTARE LE INDICAZIONI DEL PERSONALE.
4. Si potrà accedere in biblioteca SOLO previa igienizzazione delle mani con la soluzione idro-alcolica presente all’ingresso, oltre che al corretto utilizzo della mascherina e al rispetto del distanziamento
interpersonale di almeno 1 metro.
5. PRESTITO E RESTITUZIONE: il servizio sarà fruibile da un massimo di 2 utenti contemporaneamente e potrà essere prenotato per un tempo di 30 minuti. L’utente dovrà DEPOSITARE IL RESO NELL’APPOSITO CONTENITORE posto in prossimità del bancone.
6. POSTAZIONI LETTURA/STUDIO: il servizio sarà fruibile da un massimo di 6 utenti contemporaneamente e potrà essere prenotato per un tempo non superiore a 2 ore. È consentito solamente lo studio individuale.
7. POSTAZIONI PC: il servizio sarà fruibile da un massimo di 1 utente alla volta e potrà essere prenotato per un tempo non superiore a 1 ora. L’accesso alle postazioni PC non è consentito ai minori di 14
anni.
8. L’IGIENIZZAZIONE DELLE POSTAZIONI, secondo il principio di auto responsabilità, dovrà essere effettuata dagli utenti, prima e dopo l’utilizzo delle stesse, attraverso idonei prodotti messi a disposizione dall’Amministrazione.

San Gavino Monreale: NUOVE CONDIZIONI DI ACCESSO AL SERVIZIO BIBLIOTECA COMUNALE DAL GIORNO 6 MAGGIO 2021. Read More
San Gavino Monreale Centro Vaccini Territoriale

ASSL Sanluri: Vaccini, somministrata la seconda dose agli over 80 Presto un hub per accelerare la campagna vaccinale.

Nell’ambito della campagna screening sardi e sicuri del medio campidano, sabato e domenica si è svolta la vaccinazione di 2670 anziani over 80, con la seconda dose del vaccino Moderna. L’apparato amministrativo, logistico e sanitario della ASSL per tempo ha organizzato i minimi dettagli. I direttori di distretto hanno predisposto logisticamente le sedi vaccinali e questo ha permesso il funzionamento dei 6 centri vaccinali fin dal primo mattino, ed evitato assembramenti o intoppi.
La farmacia ospedaliera ha organizzato l’arrivo e la distribuzione puntuale dei vaccini. Elemento di rilievo è stata la larga e generosa partecipazione dei medici di famiglia, presenti in tutti i centri, di cui molti hanno potuto vaccinare i propri pazienti.
I 15 team vaccinali erano costituiti da Igienisti, medici di famiglia, Infermieri, assistenti sanitari e amministrativi provenienti dalla ASSL e da medici del 118 per garantire la sicurezza clinica; tutti già impegnati durante la settimana, hanno con senso di responsabilità lavorato senza sosta.
Grande la soddisfazione è stata espressa dal commissario straordinario della Assl del Medio Campidano, Alessandro Baccoli: “Abbiamo assistito anche questa volta all’accoglienza tipica del medio campidano da parte dei Sindaci, che hanno fornito pasti caldi a tutti gli operatori ed ai volontari del soccorso.
Molti di questi si sono impegnati direttamente nelle operazioni amministrative di accoglienza di indirizzo ed aiuto alla popolazione.
Nessuna dose è andata perduta perché i pochi che non hanno potuto o voluto eseguire il richiamo sono stati sostituti da disponibili dell’ultimo momento”.La prossima meta sarà la costituzione di un Hub comprendente 12 team che permetterà una accelerazione della campagna vaccinale sulla popolazione. “Allo studio c’è il centro polifunzionale antistante l’ospedale Nostra Signora di Bonaria di San Gavino di cui il Sindaco ha dato ampia disponibilità”, conclude Baccoli.

Fonte ASSL Sanluri.

ASSL Sanluri: Vaccini, somministrata la seconda dose agli over 80 Presto un hub per accelerare la campagna vaccinale. Read More
Museo Due Fonderie

San Gavino Monreale: Museo delle due Fonderie.

MUSEO DUE FONDERIE

Inaugurato ufficialmente il 20 Aprile 2013 per volere dell’Amministrazione Comunale, il Museo e Centro di documentazione deve il suo nome alla storia dell’antica fonderia di Villacidro e della moderna fonderia di San Gavino Monreale. Il museo nasce da un finanziamento del 2002 con fondi POR Sardegna 2000/2006, attraverso un intervento denominato “da San Silvano a San Gavino Monreale”, legato alle attività del Parco Storico Letterario Giuseppe Dessì, di cui San Gavino Monreale fa parte. Lo scrittore, che chiamava San Silvano la sua Villacidro, nei suoi romanzi menziona l’antica fonderia sorta nella valle del rio Leni, che già nel XVIII secolo lavorava la galena argentifera proveniente dalle prime coltivazioni minerarie di Montevecchio, facendo altresì riferimento alla moderna fonderia di San Gavino Monreale, attivata nel 1932. Per questa ragione si è pensato al nome attuale di tale centro di archeologia industriale. Al primo intervento, che ha permesso la ristrutturazione degli ex magazzini adiacenti alla stazioncina ferroviaria della linea a scartamento ridotto che collegava Montevecchio a San Gavino, ne seguirono altri, finanziati con la L.R. n. 37 e poi con fondi del bilancio comunale, utilizzati per l’acquisto dell’arredamento della struttura e la dotazione delle attrezzature multimediali e di videosorveglianza. L’obiettivo era quello di creare un museo in continua evoluzione che, oltre a conservare l’immensa eredità lasciata nel territorio dall’attività metallurgica, diventasse anche un polo attrattivo capace di documentare la storia della popolazione locale protagonista della transizione da comunità agropastorale a realtà industrializzata. La struttura è perciò rivolta a tutti gli appassionati di storia e archeologia industriale, a coloro che hanno o ancora svolgono qualsiasi ruolo nella storia della fonderia, ma soprattutto ai giovani che con questo museo avranno preziosi strumenti per conoscere e capire meglio gli ultimi ottanta anni della nostra storia, con le sue profonde trasformazioni storiche, economiche e sociali. Il punto di forza del museo è dato dal continuo arricchimento del patrimonio culturale grazie all’incessante campagna di acquisizione. Ospita un allestimento temporaneo che comprende testimonianze orali registrate, oggetti e documenti legati alla vita e al lavoro in fabbrica, donati dai cittadini e dalla fonderia stessa. Situato all’interno degli ex magazzini ferroviari, un tempo snodo per la materia prima cha dalla miniera di Montevecchio era portata allo stabilimento industriale di San Gavino Monreale per la lavorazione, l’edificio è così articolato: un’area allestimenti, un’area proiezioni audiovisive e un laboratorio didattico. L’area allestimenti è destinata all’esposizione di oggetti e documenti e appartenuti alla collettività e alla presentazione, mediante grande schermo, di fotografie d’epoca che ritraggono importanti aspetti del lavoro e della vita della comunità industriale. L’area proiezioni audiovisive è un ambiente dedicato alla visione e all’ascolto delle testimonianze audiovisive dell’archivio del museo, tra filmati, documentari e interviste. Il laboratorio didattico ospita una sezione ludico-didattica in cui si potranno realizzare laboratori con le diverse tipologie di utenti (scuole, anziani, famiglie ecc.) e dove i più piccoli potranno imparare divertendosi, con giochi che ruotano intorno alle tematiche affrontate dal museo. Gestore: Comune di San Gavino Monreale.  Fonte Comune di San Gavino Monreale.

Museo Due Fonderie
Museo a San Gavino Monreale

Luogo: Museo Due Fonderie, via Montevecchio 2

San Gavino Monreale: Museo delle due Fonderie. Read More