Una sintesi della descrizione di San Gavino Monreale tratta dal Dizionario Storico geografico del Casalis – Angius.

Carlo Alberto fondò la “Regia Deputazione sopra gli studi di Storia patria” permettendone l’accesso, fino a quel momento negato, agli studiosi. Grazie a questa nuova possibilità, nacque l’idea di raccogliere in un’unica opera tutte le informazioni su ogni singolo comune e villaggio dello Stato Sabaudo: un’impresa che assumerà il nome di “Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli stati di S. M. il Re di Sardegna”. (altro…)

Una sintesi della descrizione di San Gavino Monreale tratta dal Dizionario Storico geografico del Casalis – Angius. Read More
Regione Sardegna

Regione Sardegna – Emergenza Covid, 4 milioni per i progetti del terzo settore.

Quattro milioni per sostenere progetti finalizzati alla cura delle persone più deboli. La Regione ha pubblicato un avviso rivolto agli enti del Terzo settore (organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e Fondazioni iscritte nel registro delle Onlus) per il finanziamento e la realizzazione di progetti a sostegno delle famiglie e delle persone fragili in difficoltà, il cui bisogno d’aiuto sia cresciuto in seguito alla pandemia. Quattro gli ambiti di intervento prioritari sui quali dovranno essere articolati i progetti: contrasto alla povertà, sostegno all’educazione scolastica, sostegno alla fragilità, e contrasto alla povertà alimentare. (altro…)

Regione Sardegna – Emergenza Covid, 4 milioni per i progetti del terzo settore. Read More
Centro Vaccini San Gavino Monreale

Vaccini, mercoledì via alle immunizzazioni nell’hub di San Gavino Monreale.

Cagliari, 10 maggio 2021 – Proseguono le operazioni di potenziamento della rete dei centri vaccinali della Sardegna. Mercoledì 12 maggio, nel Medio Campidano, sarà operativo il nuovo hub di San Gavino, allestito nella struttura polivalente del Comune, nel piazzale giudici Falcone e Borsellino, difronte all’ospedale Nostra Signora di Bonaria.
All’interno del padiglione, in un’area di mille metri quadri, sono state allestite dieci postazioni di vaccinazione per un potenziale, a pieno regime, di circa mille somministrazioni al giorno.
Nell’hub di San Gavino, che avrà un’operatività di sette giorni su sette, dalle 8.30 alle 19, si partirà con le immunizzazioni dei soggetti fragili e dei cittadini dai 60 ai 79 anni.
Sul fronte della campagna in corso nell’area, sono state ultimate le vaccinazioni degli over 80, mentre procedono le immunizzazioni a domicilio dei cittadini allettati, con i i medici di famiglia, anche attraverso l’organizzazione di giornate dedicate ‘Home V-Day’.

San Gavino Monreale Centro Vaccini Territoriale
Centro Vaccini Territoriale a San Gavino Monreale

“La campagna di vaccinazione prosegue con il potenziamento e l’incremento delle strutture vaccinali sul territorio, resa possibile grazie al forte impegno del personale sanitario, nonché alla fattiva collaborazione dei sindaci, della protezione civile e dei volontari. La piena immunizzazione di tutti i cittadini in tempi rapidi è un obiettivo irrinunciabile e una sfida che riguarda tutta l’Isola”, dichiara il presidente della Regione, Christian Solinas.
“L’apertura del nuovo hub – dichiara l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu – rappresenta un risultato importante per il territorio che va nella direzione tracciata a livello regionale. La struttura si trova in una posizione strategica ottimale, considerata anche la vicinanza all’ospedale. Un obiettivo raggiunto grazie, in modo particolare, al grande lavoro da parte del personale tecnico e sanitario da sempre in prima linea nell’emergenza”.

Vaccini, mercoledì via alle immunizzazioni nell’hub di San Gavino Monreale. Read More
Falconiere

“Bird control” – La Regione Sardegna abilita due nuovi rapaci al bird control.

7 Aprile2021 – La Sardegna nel 2018 si è dotata di una norma specifica per l’attività di “bird controller”, con il Decreto ADA n. 24 del 22.11.2018 che istituisce la “commissione di abilitazione falconieri – bird controller”” ai sensi della DGR 36/30 del 17/7/2018.

La Commissione è composta da 11 esperti in zoologia, etologia, direttive Comunitarie, legislazione venatoria e veterinaria, norme sul benessere animale e falconieri di provata esperienze, si riunisce periodicamente per valutare tutti gli aspiranti falconieri che presenteranno apposita domanda presso il Servizio tutela della natura dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente.
Si è recentemente riunita a Sardara la Commissione di abilitazione all’allontanamento dei volatili con i rapaci, “bird control”.

Falconiere
bird control

L’ Anfiteatro comunale delle Terme di Sardara ha ospitato la prova d’esame pratica cui sono stati sottoposti i due rapaci candidati: un Falco sacro (Falco cherrug) e una Poiana di Harris (Parabuteo unicinctus) di proprietà dei falconieri Ortu Andrea e Ortu Fabio.
I rapaci candidati hanno superato la prova pratica mostrando un ottimo rapporto di fiducia e collaborazione con i propri falconieri, necessari per il lavoro del bird control.
Consulta il link della Fonte .
Bird control

“Bird control” – La Regione Sardegna abilita due nuovi rapaci al bird control. Read More
Regione Sardegna

Dal 10 maggio al via la presentazione delle istanze di prima concessione e proroga di mobilità in deroga.

L’Assessorato regionale del Lavoro, a seguito degli accordi firmati dall’Assessore e dalle Organizzazioni sindacali per la concessione e il rinnovo degli ammortizzatori sociali in deroga per l’anno 2021, ha pubblicato l’avviso recante le disposizioni per l’apertura dei termini di presentazione delle istanze per il trattamento di mobilità in deroga nelle aree di crisi complessa – Invio richieste relative alla prima concessione e alla proroga 2021.
L’intervento è a favore delle lavoratrici e dei lavoratori in mobilità che insistono nelle aree di crisi riconosciute come complesse dalla vigente normativa nell’ambito del territorio della Regione Sardegna.
Nello specifico si fa riferimento ai poli industriali di Porto Torres e di Portovesme per i quali sono state attuate misure mirate di politiche industriali che hanno come finalità il rilancio produttivo dei territori interessati.
I lavoratori  o le Organizzazioni sindacali delegate, potranno predisporre e inviare le domande esclusivamente attraverso i servizi online del SIL Sardegna, raggiungibile dall’indirizzo: www.sardegnalavoro.ita partire dalle ore 15.00 del 10 maggio 2021 fino alle ore 23.59 del 25 giugno 2021.

Fonte Regione Autonoma della Sardegna

Dal 10 maggio al via la presentazione delle istanze di prima concessione e proroga di mobilità in deroga. Read More

San Gavino Monreale: Centro Storico Palazzetto casa Mereu.

Il lotto sul quale è sorta la Casa Mereu   è parte dello storico isolato denominato “‘Su presoni Becciu” perché conteneva, dal periodo giudicale sino ai primi del Novecento, l’edificio delle Vecchie prigioni che ancora nel XIX secolo veniva utilizzato come carcere e sede di Pretura. La costruzione di Casa Mereu risale al primo decennio del Novecento, con la funzione di abitazione per la famiglia del Dott. Mereu. medico di San Gavino (una delle sale al piano terreno difatti era stata adibita ad ambulatorio); questo edificio un importante esempio della tipologia a palattu sviluppatasi nei primi decenni del Novecento tra le famiglie abbienti, costruito con metodi tradizionali (ladiri) e arricchito in questo caso di un delicato Stile Floreale (liberty) sia nei prospetti che negli spazi interni. La casa è stata abitata fino ai primi anni ’60 del Novecento ed i discendenti del Dott. Mereu hanno mantenuto la proprietà fino al momento dell’acquisizione da parte del Comune di San Gavino nel Luglio del 2009_L’edificio non ha subito modifiche, fatta eccezione per i corpi annessi situati nella corte posteriore. Alcuni di questi sono stati demoliti e ricostruiti sulle stesse volumetrie dei precedenti. Attualmente si stanno svolgendo i lavori di recupero e riqualificazione dell’area, l’intervento prevede l’inserimento di uffici, una biblioteca gastronomica e una cucina all’interno dell’edificio; all’esterno, nella corte posteriore, dei laboratori. I materiali utilizzati sono naturali (intonaco a calce, mattone in terra cruda e travi in legno ove è necessario intervenire nei solai) e nel rispetto delle tecniche tradizionali. La tipologia architettonica del Fabbricato è quella del “Palazzetto” (Palattu). che presenta un impianto composto da corpi di fabbrica a pianta quadrilatera regolare che si assemblano costituendo uno sviluppo planimetrico anicolato.ll fabbricato si sviluppa su una superficie di 230mq, due livelli in elevazione, un fronte strada di 27,68 ml e uno sviluppo in profondità di 15,40 ml, Gli elementi architettonici e costruttivi caratterizzanti il fabbricato sono, per quanto riguarda il prospetto principale (fronte strada), le finestre ed i balconi di maggiore ampiezza e una certa regolarità rispetto agli altri fronti, con spallette e piattabanda in cotto; interessanti anche i cornicioni di sommità contenenti i canali di gronda. la copertura a doppio spiovente con capriate lignee e orditure secondarie in castagno e ginepro e solai in travi di ginepro con impalcati di tavole. La muratura costituita da un basamento in blocchi di pietra sul quale poggia il muro in mattoni di terra cruda e paglia (‘adiri). in uno spessore che varia dai 0.65m per i muri perimetrali. ai O,S5m e 0,45 per i divisori, Gli spigoli della muratura portante presentano delle cuciture in mattoni di argilla cotta. tra il basamento in blocchi di pietra e i ladiri, Le superfici murarie. sia esterne che interne, sono intonacate a calce. Nell’interno del fabbricalo sono numerosi elementi decorativi in Stile Floreale (Liberty): i dipinti nei controsoffitti di quasi tutti gli ambienti. la forgiatura della ringhiera della scala e nei parapetti in ferro battuto, i motivi dei pavimenti in piastrelle di cemento coloralo. Di particolare interesse è anche la presenza degli infissi originali in legno delle finestre, a due ante con chiusura a ferro di leva maniglia a pendaglio e cerniere con bandelle ad incasso.

San Gavino Monreale: Centro Storico Palazzetto casa Mereu. Read More

San Gavino Monreale: NUOVE CONDIZIONI DI ACCESSO AL SERVIZIO BIBLIOTECA COMUNALE DAL GIORNO 6 MAGGIO 2021.

l Sistema Bibliotecario Monte Linas rende noto che a decorrere dal giorno giovedì 6 maggio 2021 muteranno le condizioni di accesso alla Biblioteca Comunale di San Gavino Monreale, dentro la quale potranno stazionare contemporaneamente massimo n. 9 utenti.
Per prendere visione nel dettaglio delle disposizioni si riporta il compendio delle regole d’accesso al servizio

 Leggi la LOCANDINA

SISTEMA BIBLIOTECARIO “MONTE LINAS” BIBLIOTECA MULTIMEDIALE SAN GAVINO M.LE SONO AMMESSI CONTEMPORANEAMENTE: 9 UTENTI
REGOLE D’ACCESSO AI SERVIZI IN BIBLIOTECA A SEGUITO DELL’EMERGENZA COVID-19
1. I servizi bibliotecari all’utenza verranno erogati ESCLUSIVAMENTE SU APPUNTAMENTO TELEFONICO al numero 070 933 9071.
2. L’ingresso in biblioteca sarà consentito DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ per i servizi di prestito e restituzione, utilizzo postazioni PC e postazioni lettura/studio. IL SABATO non sarà consentito l’ingresso in biblioteca e verrà garantito solamente il servizio di prestito e ritiro.
3. Per l’accesso gli utenti prenotati dovranno ATTENDERE ALL’INGRESSO E RISPETTARE LE INDICAZIONI DEL PERSONALE.
4. Si potrà accedere in biblioteca SOLO previa igienizzazione delle mani con la soluzione idro-alcolica presente all’ingresso, oltre che al corretto utilizzo della mascherina e al rispetto del distanziamento
interpersonale di almeno 1 metro.
5. PRESTITO E RESTITUZIONE: il servizio sarà fruibile da un massimo di 2 utenti contemporaneamente e potrà essere prenotato per un tempo di 30 minuti. L’utente dovrà DEPOSITARE IL RESO NELL’APPOSITO CONTENITORE posto in prossimità del bancone.
6. POSTAZIONI LETTURA/STUDIO: il servizio sarà fruibile da un massimo di 6 utenti contemporaneamente e potrà essere prenotato per un tempo non superiore a 2 ore. È consentito solamente lo studio individuale.
7. POSTAZIONI PC: il servizio sarà fruibile da un massimo di 1 utente alla volta e potrà essere prenotato per un tempo non superiore a 1 ora. L’accesso alle postazioni PC non è consentito ai minori di 14
anni.
8. L’IGIENIZZAZIONE DELLE POSTAZIONI, secondo il principio di auto responsabilità, dovrà essere effettuata dagli utenti, prima e dopo l’utilizzo delle stesse, attraverso idonei prodotti messi a disposizione dall’Amministrazione.

San Gavino Monreale: NUOVE CONDIZIONI DI ACCESSO AL SERVIZIO BIBLIOTECA COMUNALE DAL GIORNO 6 MAGGIO 2021. Read More
San Gavino Monreale Centro Vaccini Territoriale

ASSL Sanluri: Vaccini, somministrata la seconda dose agli over 80 Presto un hub per accelerare la campagna vaccinale.

Nell’ambito della campagna screening sardi e sicuri del medio campidano, sabato e domenica si è svolta la vaccinazione di 2670 anziani over 80, con la seconda dose del vaccino Moderna. L’apparato amministrativo, logistico e sanitario della ASSL per tempo ha organizzato i minimi dettagli. I direttori di distretto hanno predisposto logisticamente le sedi vaccinali e questo ha permesso il funzionamento dei 6 centri vaccinali fin dal primo mattino, ed evitato assembramenti o intoppi.
La farmacia ospedaliera ha organizzato l’arrivo e la distribuzione puntuale dei vaccini. Elemento di rilievo è stata la larga e generosa partecipazione dei medici di famiglia, presenti in tutti i centri, di cui molti hanno potuto vaccinare i propri pazienti.
I 15 team vaccinali erano costituiti da Igienisti, medici di famiglia, Infermieri, assistenti sanitari e amministrativi provenienti dalla ASSL e da medici del 118 per garantire la sicurezza clinica; tutti già impegnati durante la settimana, hanno con senso di responsabilità lavorato senza sosta.
Grande la soddisfazione è stata espressa dal commissario straordinario della Assl del Medio Campidano, Alessandro Baccoli: “Abbiamo assistito anche questa volta all’accoglienza tipica del medio campidano da parte dei Sindaci, che hanno fornito pasti caldi a tutti gli operatori ed ai volontari del soccorso.
Molti di questi si sono impegnati direttamente nelle operazioni amministrative di accoglienza di indirizzo ed aiuto alla popolazione.
Nessuna dose è andata perduta perché i pochi che non hanno potuto o voluto eseguire il richiamo sono stati sostituti da disponibili dell’ultimo momento”.La prossima meta sarà la costituzione di un Hub comprendente 12 team che permetterà una accelerazione della campagna vaccinale sulla popolazione. “Allo studio c’è il centro polifunzionale antistante l’ospedale Nostra Signora di Bonaria di San Gavino di cui il Sindaco ha dato ampia disponibilità”, conclude Baccoli.

Fonte ASSL Sanluri.

ASSL Sanluri: Vaccini, somministrata la seconda dose agli over 80 Presto un hub per accelerare la campagna vaccinale. Read More
Claudia Pinna

Claudia Pinna sesta ai tricolori dei 10.000.

02 Maggio 2021
Buona prova della mezzofondista di San Gavino mentre si ritira la Nieddu

(robyspezzigu) “Alla fine mi è mancato un po’ di coraggio nel seguire il gruppo delle migliori quando hanno fatto il cambio di ritmo decisivo, altrimenti forse avrei potuto guadagnare qualche posizione in più e migliorare qualcosa anche cronometricamente”. Claudia Pinna, pluriprimatista sarda del mezzofondo così commenta la sua brillante prova ai campionati italiani dei 10000 metri su pista di Molfetta dove ha chiuso al sesto posto nella gara vinta da Martina Merlo.
Si risolve quindi a favore di Claudia Pinna, che con il tempo di 35:10.14 a questi tricolori dei 10.000 metri in pista disputati a Molfetta si aggiudica un ottimo sesto posto e si conferma la regina del mezzofondo sardo, l’interessante sfida che vedeva la mezzofondista di San Gavino contrapposta all’alaese Raimonda Nieddu, atleta capace nel 2020  di prendersi la ribalta del mezzofondo isolano mettendo in discussione il dominio del mezzofondo sardo di oltre un ventennio della Pinna. Dopo essersi rincorse per varie gare di questo inizio stagione questa di Molfetta, dove sono stati assegnati i primi titoli italiani della stagione outdoor 2021, era quindi l’occasione propizia per vedere finalmente uno scontro diretto con qualcosa di importante in palio. Nella cittadina pugliese la Pinna, pluriprimatista sarda sangavinese classe 1977 che corre per il Cus Cagliari, già campionessa italiana su questa distanza oltre che sui 5000 metri, si è presentata con il tempo di 34:58.70 ottenuto nella fase regionale dei campionati di questa specialità. L’alaese Nieddu (classe 1987, tesserata da qualche anno alla Cagliari Atletica) invece a Molfetta si è presentata con il recente 34:48 corso nel 10000 su strada di Muggia-Trieste e dopo un 2020 che l’ha vista primeggiare nelle graduatorie sarde con accredito di 34:44.01 sui 10.000 e forte anche dei progressi al coperto con il personale di 9:42.75 sui 3000 ottenuto ai campionati italiani indoor di febbraio.
A Molfetta, la gara, dopo un avvio tranquillo si animava al settimo Km per merito della ventenne piemontese Giovanna Selva, già in luce di recente nel cross e anche su pista, che prende l’iniziativa. La Pinna segue un po’ staccata e tenta di reagire mentre andava in difficoltà e si fermava la Nieddu. Alla fine Martina Merlo (28enne dell’Aeronautica) vince con il tempo di 34:23.25 il suo primo titolo tricolore su questa distanza seguita al traguardo con 34:24.26 dalla giovane cuneese classe 2000 Anna Arnaudo e da Rebecca Lonedo con 34:29.53. Per la Pinna la classifica finale parla di 35:10.14 e la grande soddisfazione di essere, dopo tantissimi anni, ancora tra le protagoniste della corsa a livello nazionale: “Oltre il coraggio nel seguire le prime, ma non sono molto sicura che avrei migliorato ma mia posizione finale in classifica, mi è mancato anche il fatto di non aver corso gare in pista in questi ultimi anni– afferma una più che soddisfatta atleta sarda su questa sua gara di Molfetta e continua – “In questi ultimi anni non ho praticamente corso gare in pista di questo livello e alla fine questo ha inciso sulla mia condotta di gara e sullo sviluppo della stessa. In ogni caso va molto bene così perché tutto sommato penso di aver fatto una bella gara

Fonte FIDAL

Claudia Pinna sesta ai tricolori dei 10.000. Read More

San Gavino Monreale: Richiesta riconoscimento di interesse culturale per il vecchio municipio.

Il fabbricato oggetto della presente relazione, catastalmente identificato al F. NCEtJ 37, Mappale 601, si trova in piazza Marconi, sulla quale si affacciano altri edifici di rilievo quali la chiesa di Santa Chiara (sottoposta a tutela con D.D.R. n. 53 del 24/05,2007). la EN Scuola Elementare (primi decenni del Novecento, in corso di verifica) con la Casa Mereu (sottoposta a tutela con D.D.R. n. 65 del 09/06:2010).
L’area in argomento nel 1854 venne acquisita dal Comune (atto del consiglio Comunale del 30.05. 1854) dal sacerdote Antonio Tuveri, allora direttore della Parrocchia. Ai fini dell’acquisizione il Consiglio deliberò la contrazione di un apposito mutuo al locale Monte di Soccorso, per l’importo di L. 960. mutuo che venne autorizzato con Regio Decreto del Ministro dell’interno del 09.04.1855. Il progetto fu redatto nel Settembre nel 1856 dal Corpo Reale del Genio Civile di Cagliari, con successiva modifica del Settembre 1859. La costruzione fu terminata nel 1861 ma poco più tardi, nel 1864. l’edificio subì un intervento di modifica interna e distributiva progettato dall’architetto Michele Dessi Magnetti di Cagliari, un altro intervento di manutenzione e modifica interna e distributiva progettato e diretto dall’architetto Battista Piras risale al 1878. Tali interventi non hanno alteralo l’assetto originario, fatta eccezione per i prospetti, ma non nella distribuzione interna.
Vecchio Municipio L’edificio ha mantenuto la sua destinazione originaria fino agli anni ’70 del Novecento; nel corso di questo decennio, infatti, gli uffici comunali sono stati spostati nel nuovo edificio (sorto in seguito alla demolizione della chiesa seicentesca di San Sebastiano) dove sono tuttora allocati. Dagli anni ’70 al 2000 è Stato occupato dagli uffici del Comando della Guardia di Finanza. ln seguito l’edificio è stato utilizzato saltuariamente ed è attualmente in disuso. L’edificio. esempio di tipologia a “‘Palattu••. si sviluppa su due livelli, piano terra e primo piano; i prospetti sono realizzati con un’attenzione particolare per la simmetria e il decoro, pur non presentando particolari elementi di arricchimento decorativo. Generalmente questa tipologia tende a creare una gerarchia nei prospetti. distinguendone il principale dai secondari ma in questo caso, essendo l’edificio visibile da tutti e quattro i lati, la gerarchia avviene tra i due prospetti maggiori (quello sulla piazza, da cui si accede all’edificio e quello sulla via Roma) e i due minori (che si affacciano pure sulla piazza).  La distribuzione originaria degli ambienti, prevedeva al piano terreno ingresso e vestibolo, la stanza per la Guardia Nazionale, la stanza per l’esattore, i servizi. il locale destinato a custodire i corpi di reato: alle due estremità del piano terra vi erano anche due locali adibiti a Scuola Femminile e Maschile.
Nel primo piano si trovava la stanza del Giudice, la stanza del Segretario del Mandamento. la stanza per il Sindaco e quella per il Segretario Comunale; alle due estremità del piano la Sala Mandamentale e la Sala Comunale.
Le tecniche e i materiali costruttivi sono quelli della tradizione locale con parte basamentale costruita in pietra e murature di elevazione in “ladiri’• e mattoni cotti; i solai e la Struttura portante della copertura sono in legno, il manto di copertura è in coppi. L’edificio esternamente è rivestito, nella parte basamentale con lastre di travertino, per la restante parte intonacato. La fascia corrispondente al piano terra presenta un motivo a finto bugnato, la fascia superiore è liscia.
ln conclusione il suddetto fabbricato, sorto come sede comunale alla metà dell ‘800, presenta indubbiamente i requisiti di interesse culturale di cui al D. Lgs. 42/2004; per l’alto significato che il fabbricato ha rivestito per la storia di San Gavino Monreale se ne propone il riconoscimento di interesse anche ai sensi dell’art. 10 comma 3 lettera d).

Tratto dalla relazione della proprietà trasmessa alla Soprintendenza per i beni culturali.

San Gavino Monreale: Richiesta riconoscimento di interesse culturale per il vecchio municipio. Read More
Enel

Firmato il protocollo d’intesa con la Regione Sardegna per l’attuazione del Programma di integrazione della mobilità elettrica con le Smart City.

Cagliari, 30 aprile 2021 –  Enel X ha siglato il protocollo d’intesa con la Regione Sardegna per l’attuazione del Programma di integrazione della mobilità elettrica con le Smart City nel territorio della Regione che prevede l’installazione di oltre 1176 punti di ricarica nell’isola a favore della sostenibilità ambientale e della transizione energetica.
“Siamo molto soddisfatti di aver siglato il protocollo d’intesa con la Regione Sardegna, rappresenta un passo molto importante per rendere l’isola sempre più smart e green, in linea con i nostri obiettivi di mobilità sostenibile, efficientamento energetico e innovazione tecnologica – dichiara Augusto Raggi, Responsabile Enel X Italia. “La mobilità elettrica è sempre più una realtà e la sua promozione assume un ruolo fondamentale per la transizione ecologica“.
Enel X è la business line globale di Enel dedicata alla progettazione e allo sviluppo di prodotti e servizi incentrati sui principi di sostenibilità ed economia circolare per fornire a persone, comunità, istituzioni e aziende, soluzioni che rispettino l’ambiente e integrino l’innovazione tecnologica nella vita quotidiana. Lo sviluppo della mobilità elettrica è la mission principale della controllata Enel X.
Grazie a questo protocollo le infrastrutture di Ricarica verranno installate in tutte le principali citta sarde (Cagliari, Sassari, Nuoro, Oristano, Olbia), in tutti i Comuni della Città Metropolitana di Cagliari e in altre città costiere come Alghero, Pula, Porto Torres, Stintino, Castelsardo e altri centri interni.
Le infrastrutture di ricarica saranno diversificate per tecnologia e potenza disponibile in fase di ricarica, in particolare verranno rese disponibili sul territorio Sardo 108 Fast per la ricarica ultraveloce (di cui 68 Juice Pump, dotate di tutti gli standard di ricarica presenti sul mercato e una potenza fino a 50 kW, e 40 V2G “ Vehicle-to-Grid” dotate dell’innovativa tecnologia che permette lo scambio di energia da e verso la rete elettrica) e le restanti 466 di tipologia JuicePole da 44kW di potenza in corrente alternata. Verranno tutte installate a cura e spese di Enel X, con un investimento complessivo di circa 7 milioni di euro, nei luoghi già concordati con le Amministrazioni e la Regione nel rispetto del cronoprogramma stabilito. Al protocollo di intesa potranno aderire anche ulteriori soggetti pubblici e privati interessati a sviluppare e condividere gli obiettivi strategici e le azioni definite dal protocollo stesso: mobilità sostenibile e tutela dell’ambiente con riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera.

 

Firmato il protocollo d’intesa con la Regione Sardegna per l’attuazione del Programma di integrazione della mobilità elettrica con le Smart City. Read More
Stazione Ferroviaria Cagliari

Cagliari: Tampone Gratuito Iniziativa CRI e Gruppo FS

Dal 15 maggio anche a Cagliari prende avvio l’iniziativa della Croce Rossa Italiana che, grazie al Gruppo Fs nell’ambito di un progetto europeo, ha allestito una postazione per sottoporsi gratuitamente al tampone antigenico rapido alla stazione ferroviaria. Lo spazio, allestito nello stand dell’ex edicola, di fronte ai binari, sarà operativo con un medico e due infermieri per turno, dalle 8 alle 14.
Il risultato del test è certificato e potrà valere anche come green pass. “Stiamo anche valutando la possibilità di mettere in piedi una task force mobile – dice all’Ansa il presidente regionale della Cri della Sardegna, Sergio Piredda – in grado di poter andare nei diversi centri dell’Isola che eventualmente potesse richiedere il servizio attraverso un’interlocuzione con i sindaci”.
Inoltre si sta valutando di poter allestire un’altra postazione in una seconda stazione ferroviaria del nord Sardegna.

Stazione Ferroviaria Cagliari
Stazione Ferroviaria Cagliari

Fonte Sardinia Post

Cagliari: Tampone Gratuito Iniziativa CRI e Gruppo FS Read More